Salvador Dalí veste pelle dorata

Salvador Felipe Jacinto Dalí I Domenech nacque l'11 maggio 1904, nel piccolo villaggio agricolo di Figueres, Spagna. Fu chiamato Salvador come suo fratello più grande, morto subito dopo la nascita di Dalí. Trascorse la sua infanzia a Figueres nella dimora estiva di famiglia, nel villaggio costiero di Cadaques, dove i suoi genitori costruirono il suo primo studio. Fin dalla tenera età, Dalí fu stimolato a praticare la sua arte e a svilupparla studiando all'accademia di Madrid. Nel 1920, si recò a Parigi e cominciò ad interagire con autori del calibro di Picasso, Magritte e Mirò, che indussero in Dalí lo stimolo surrealista. È probabilmente più famoso per il dipinto “La persistenza della memoria”, 1931, che mostra degli orologi molli drappeggaiti in un paesaggio. Divenuto adulto, costruì la sua casa con sua moglie Gala, nei pressi di Port Lligat. Molti dei suoi dipinti incarnano il suo amore per la terra di Spagna. Dalí muore a Figueres nel 1989.

1904: Salvador Dalí nasce a Figueras, Spagna. ( Dalí perse la madre all’eta’ di 17 anni. Suo padre era una persona molto autoritaria. Le sue anise apparvero per la prima volta allora e furono rappresentate successivamente nella sua arte) (Dalí nacque in Catalogna e fu dove passo’ la maggior parte della sua vita e dove ora e’ sepolto. Il paesaggio di Cadaques, un citta’ di porto al nord di Barcellona, hanno segnato la sua vita. Infatti, il suo primo dipinto, che fece all’eta’ di 6 anni, era un paesaggio di costa)

1921: Dalí studia all’Accademia di Belle Arti di Madrid e successivamente viene espulso da scuola per il suo cattivo comportamento. Sarà qui che incontrerà il poeta spagolo Federico Garcia Lorca ed il regista Luis Bunuel con i quail Dalí farà un film intitolato Un Chien Andalou

1923: Fu arrestato per tendenze anarchiche e lasciato in carcere per 35 giorni ( Dalí non aveva un carattere remissivo; era un uomo eccentrico ed egocentrico. Cercava attenzioni e gli piaceva creare situazioni assured, quindi indossava vestiti stravaganti e si attorcigliava i baffi in diverse forme, oppure faceva cuocere baguette da 15 metri che portava in giro per le strade di Parigi)

1925: Prima mostra personale a Barcellona. Sia Picasso che Miró si mostrano interessati alla sua arte.

1929: Viene presentato dall’artista spagnolo Miró al Gruppo dei Surrealisti a Parigi del quale diventerá un’icona.Dalí incontra la sua futura musa e moglie Gala. (Gala diede a Dalí l’amore genuino, l’attenzione e il supporto di cui Dalí aveva bisogno per ultimare la sua arte. Furono inseparabili fino alla fine della loro vita. Dalí dipinse Gala in piú di 50 opere).

1931: Dipinge la sua tela piú famosa, la Persistenza della Memoria, dove il tema ricorrente degli orologi molli compare per la prima volta.

1934: Primo viaggio a New York. Viene espulso dal Gruppo Surrealista, accusato di avidita’ e di essere sostenitore di Hitler. Dalí ha sempre creduto che l’arte dovesse rimanere separate dalla politica e non sosteneva il regime nazista.

1936: Il poeta Federico Garcia Lorca viene assassinato. La guerra civile spagnola costringe Dalí a scappare in Italia dove sará influenzato dal Rinascimeto e dall’arte Barocca.

1938: Incontra Sigmund Freud a Londra. (Le teoria di Freud sulla psicanalisi hanno avuto un impatto fondamentale sull’arte di Dalí. Il surrealismo esplorava il subconscio senza censure, libverando emozioni e desideri nascosti, ossessioni e paure).

1940: Si trasferisce negli Stati Uniti a causa dell’inizio della II Guerra Mondiale e ci rimarrá fino al 1948. (Dalí ebbe molto successo. Espose le sue opera al Museum of Modern Art di New York e in molte altre cittá. La sua produzione artistica continuó in maniera prolifica)

1945: Collabora con Alfred Hitchcock e dipinge Spellbound. (Durante la II Guerra Mondiale e dopo che le bombe atomiche furono lanciate sul Giappone, Dalí affrontó nuovi temi e un nuovo stile, avvicinandosi alla scienza e alla religione).

1948: Si ristabilizza a Port Lligart, Spagna. (Dalí e Gala passano la loro vita tra Parigi, Spagna e New York).

1958: Gala e Dalí si sposanao in Spagna.

1969: Prima grande mostra retrospettiva nei Paesi Bassi. Annuncio della creazione del Museo Dalí a Figueras. (Dalí sapeva bene come pubblicizzare la propria imagine. I baffi sono il simbolo “marketing” di Dalí!) (Dalí ha anche lavorato nel campo della pubblicita’, partecipando a spot per Perrier, cioccolato Lanvin e Chupa Chups).

1974: Apertura del Museo – Teatro Dalí a Figueras.

1981: Dalí guarisce lentamente da una malattia contratta a New York. Il Re e la Regina di Spagna, preoccupati per la sua salute, vanno a fargli visita.

1982: Muore Gala. Dalí e’ profondamente colpito da questa perdita. Abbandona la vita pubblica e si isola in un castello in Catalogna.

1989: Dalí muore all’età di 84 anni. É sepolto Museo – Teatro Dalí a Figueras, il suo luogo di nascita. (L’espressione artistica di Dalí non aveva limiti, e si estendeva non solo al campo delle arti visive, bensí alla creazione di gioielli, moda, cinema, letteratura, arti decorative e anche pubblicità. Dalí era un genio unico).